Menu

Origini

Nel cuore della Franciacorta, a Camignone, si trova la secolare residenza con le cantine cinquecentesche e le terre annesse, che testimonia la lunga tradizione vitivinicola che i Barboglio ereditarono nel 1836. Tale vocazione fu sviluppata grazie alle intuizioni di Emanuela Barboglio con l'impianto dei primi vigneti specializzati e nel 1968 con l'adozione della neonata DOC Franciacorta. Dal 1976 venne abbandonato il nome "Azienda Agricola Barzanò Barboglio" per l'attuale "Mosnel", toponimo dialettale di origine celtica che significa pietraia, cumulo di sassi; sul quale sorge l'Azienda
Alla guida de Mosnel c'è la quinta generazione di vignaioli, i figli di Emanuela Barboglio: Giulio Barzanò che segue la parte tecnica, produttiva e commerciale; mentre Lucia Barzanò si occupa del marketing, delle relazioni esterne e dell' amministrazione. La famiglia si avvale della collaborazione di uno staff altamente preparato e di consulenti agronomi ed enologi di grande esperienza che seguono costantemente la produzione ed il suo evolversi.

Tradizione

Cinque generazioni di vignaioli hanno contribuito alla costruzione del patrimonio Mosnel.

Nelle cantine cinquecentesche della secolare tenuta prosegue la lunga tradizione vitivinicola che i Barboglio ereditarono nel 1836. Oggi nelle lungimiranti mani della famiglia Barzanò, che tra i primi sostennero la neonata DOC Franciacorta nel 1968, Mosnel raccoglie questa preziosa eredità per consegnarla rinnovata alle generazioni future.

Territorio

L'indissolubile legame tra prodotto e territorio è tenacemente custodito con le cure ai 38 ettari vitati di proprietà a DOCG.

Tutti i terreni sono di proprietà Mosnel in quanto requisito indispensabile per garantire che siano condotti con il massimo rispetto per l'ambiente, attestato dalla convinta adesione alle rigide norme sul rispetto dell'impatto ambientale. L’Azienda Agricola è condotta con il metodo biologico ai sensi del Reg. UE 834 del 2007, controllata dall’Istituto Mediterraneo di Certificazione.

Esclusività

Ottenere il miglior prodotto possibile con la cura per ogni dettaglio produttivo e la riduzione dei volumi.

Tutti i vigneti hanno impianti a Cordone Speronato o Guyot, con una densità tra 4000 e 8000 piante per ettaro. Pari attenzione è stata dedicata al contenimento della resa massima per ceppo, che è ora inferiore a due chilogrammi. Vendemmia manuale in piccole casse, pressatura soffice e controllo delle fermentazioni contribuiscono poi ulteriormente ad otterere la riconosciuta qualità dei Franciacorta Mosnel.

Carattere

Tutti i Franciacorta Mosnel, anche i vini non millesimati, fanno fermentazione in legno.

Così come per tutti i vini vengono impiegati nelle cuvée vini di riserva di annate precedenti. Per mantenere lo stile della cantina nel tempo, per sottolinearne il carattere. Lo stile unico dei Franciacorta Mosnel è in grado così di privilegiare complessità e longevità dei propri vini, che ne fanno tra prodotti dai tratti più distintivi ed apprezzati del territorio.

Patrimonio Franciacorta

La Franciacorta è una splendida regione a sud del Lago d'Iseo, in provincia di Brescia, che si estende fra dolci colline moreniche.

Approfondisci

Terre di Camignone

Il "Catastico bresciano del 1609 alla voce Camignone recita "li terreni sono buoni de quali si cava perfettissimi vini".

Approfondisci

Vitigni e vigneti

La struttura dei terreni, dove sono ubicati in area morenica i vigneti, è calcarea più che argillosa, moderatamente profonda.

Approfondisci

Arte e Mestiere di cantina

Ospitata in gran parte nelle antiche strutture del XVI, XVII, XVIII secolo che assicurano un'atmosfera ideale per l'affinamento del Franciacorta.

Approfondisci